Forte odore di cloro

Contrariamente  a quanto si può pensare, l’odore di cloro non è causato da un eccesso ma ad una carenza del cloro stesso. L’odore forte di cloro è dovuto alle clorammine non completamente degradate perché ci troviamo al di sotto del Break Point (Punto di Rottura), al di sopra del quale questo fenomeno si annulla.
In questo caso è indispensabile un controllo del pH (correggerlo se necessario con PHMENO o PHPIU'), una superclorazione (clorazione d'urto con DIC 1) per superare il Break-Point e mantenere in seguito i livelli del cloro attivo libero intorno ai valori 0,6 ÷ 1,00 ppm:

  1. Pulire i filtri se sono sporchi.
  2. Riportare il pH a valori compresi tra 7,2 e 7,6 (PHMENO o PHPIU').
  3. Effettuare il trattamento d’urto con cloro (DIC 1)
  4. Lasciare i filtri in funzione per 24 ore.
  5. Attendere che il valore del cloro attivo libero si sia abbassato prima di fare il bagno (non superiore a 1,00 ppm).
  6. Verificare, di tanto in tanto, che il valore del cloro attivo sia inferiore a 1,00 ppm (test con AQUACHEK).